mindfulness e cibo - BERGAMO

MINDFUL EATING

L’alimentazione consapevole è un modo di vivere e un modo di essere.

Ti capita mai di dialogare con quello che vorresti tanto mangiare, ma che sai che non dovresti?
Una vocina nella testa ti sussurra: “Mangiami, mangiami, Non lo dico a nessuno. Guarda, questa è davvero l’ultima volta e poi da lunedì…Se ci pensi bene, in fondo questo snack compensa il pasto che hai saltato oggi a pranzo.”
Mentre un’altra voce cerca faticosamente di tenere testa a queste tentazioni, a volte uscendone vittoriosa, altre sconfitta. Una vera e propria lotta accade dentro di te…quando dovrebbe essere soltanto un momento di piacere e di nutrimento per corpo e mente.

Ti capita mai di associare all’alimentazione emozioni e stati d’animo diversi?
Ad esempio ti senti triste e mangi per sentirti meglio. Questo schema comportamentale si ripete ogni volta che ti senti giù e il cervello ti dice: “Ehi, l’ultima volta che stavi così hai mangiato il cioccolato e ti sei sentito meglio, Fallo ancora!”.
E così, nel tempo, consolidi senza quasi accorgerti una gamma di comportamenti abitudinari che vanno dalla fame emotiva alla dipendenza dal cibo.

La mente è uno strumento potente, ma se lasciata a sè stessa, può diventare schiava delle emozioni e delle abitudini.

E ora, pensa a quanto sarebbe bello dare meno credito a quei dialoghi interiori. Immagina quanto sarebbe bello portare alle tue abitudini alimentari un atteggiamento equilibrato e spensierato, senza dover contare sulla natura instabile e spesso imprevedibile della forza di volontà.
Tutto questo è possibile coltivando una relazione nuova con l’alimentazione, e ritrovando quel senso di sano apprezzamento e godimento che tutto il cibo merita.

Per percorrere questo cammino (lentamente e gradualmente) non sei da solo, ma hai una preziosa alleata: la pratica Mindfulness.

Vi è ad oggi un’appassionante ramo della ricerca che dimostra gli effetti della Mindfulness sulla dieta, sulle abitudini alimentari e sugli attacchi di fame emotiva. Mentre alcune persone la praticano lavorando a 360 gradi sulla propria mente, altre la adottano in modo strategico per mantenere una relazione sana con il cibo, con il proprio aspetto e il proprio peso.

La rivoluzione della Mindfulness nelle tematiche alimentari è l’aver portato il focus dell’attenzione sul come mangiamo (piuttosto che sul cosa mangiamo), introducendo l’alimentazione consapevole come stile di vita.

La Mindfulness gradualmente ti porta a scoprire un approccio alimentare sostenibile, equilibrato e sano.

La meditazione offre le condizioni ideali per imparare ad essere consapevoli, e la consapevolezza è la chiave del successo di tutto questo approccio.



Spesso mangiamo di corsa, tra un impegno e l'altro, con la testa che pensa a cosa deve fare dopo. Ci perdiamo un'infinità di dettagli e di esperienze che il cibo è in grado di regalarci.

Ma se riusciamo ad immergerci nel momento presente, nei sapori e negli odori che abbiamo di fronte...allora anche un semplice spuntino sarà per noi occasione di connessione e serenità!

I 5 sensi diventano la nostra guida, il respiro l'ancora che ci riporta nel corpo.
I pensieri che ci trascinano lontano dal presente diventano solo uno sfondo sfumato.
Protagonista della scena diviene il nostro sentire. 🍉

mindfulness eating bergamo

In questo approccio non ci sono diete da seguire, l'idea è di porre il nostro sguardo all'interno...ci alleniamo per diventare abili ascoltatori di noi stessi e del nostro appetito. Il focus non è su cosa mangiamo, ma è su come mangiamo, variabile molto trascurata nella quotidianeità frenetica di tutti noi.

La pratica della Mindfulness è lo strumento principale con cui è possibile effettuare questo "allenamento": si tratta di una pratica che aiuta a sviluppare un’attitudine consapevole verso ogni sfaccettatura della vita, compreso il cibo che mangiamo.

Ma ora sfatiamo un paio di miti su questo tema!

• Per assaporare il nostro pasto in modalità mindful non è necessario ESSERE DA SOLI. 👨‍👩‍👧‍👦

Senz'altro viene più semplice all'inizio se non ci sono altre persone con noi, ma non è fondamentale.
Possiamo connetterci con il pasto anche mentre allattiamo il nostro bimbo, imbocchiamo il figlio più grande, siamo insieme a tutta la famiglia, a colleghi, ad amici o in mensa al lavoro.

Perché?

Perché mangiare mindful è un'esperienza interna, un ascolto che viene dal corpo, sia che esso sia da solo che in buona compagnia.

mindfulness eating bergamo

• E’ umanamente impossibile rimanere PER TUTTO L'INTERO PASTO connessi in modalità mindful con il cibo che mangiamo. 💬

Perché?

Perché la mente vaga, viaggia, gironzola qua e là, e fa di tutto, sempre e comunque, per disconnettersi dall'attimo presente. Non perché siamo difettosi noi, o perché lei sia malvagia... è semplicemente un modo di funzionare del cervello umano. 
Ciò che in semplicità possiamo fare è ACCORGERCI quando questo accade, e riportarla con gentilezza al pasto. 

Avendo in mente in modo chiaro questo, possiamo quindi creare l'intenzione di RIMANERE CONNESSI CON IL NOSTRO CORPO CHE MANGIA il maggior numero di volte che riusciamo (e non per tutto il pasto!).
Anche se questo significa riuscire a farlo solo un paio di volte in tutto.

È un ottimo inizio, e dobbiamo premiarci.

Lentamente, con la pratica guidata da una disciplina GENTILE, e con il tempo che ci è alleato, ci ricorderemo sempre più spesso di mangiare in modo mindful...e questo "ricordarci" diverrà sempre più spontaneo e fluido. 🌸

Ma si tratterà sempre di flash, di istanti, di attimi di consapevolezza, come delle fotografie...ciò che cambia con l'esperienza è solo la loro frequenza, non la loro durata.

🍒🍉🍎


CORSI DI MINDFUL EATING A BERGAMO

Descrizione proposte.

MINDFUL EATING

In programmazione

Assapora i pasti in modo consapevole. Rallenta, gusta ogni boccone, riscopri il piacere dei 5 sensi.
Scopri i dettagli

MINDFUL EATING 2

In programmazione

Assapora i pasti in modo consapevole. Rallenta, gusta ogni boccone, riscopri il piacere dei 5 sensi.
Scopri i dettagli


RISORSE

Descrizione risorse.


I VOSTRI PENSIERI

Voglio condividere con voi la mia prima cena Mindful con tutti i 5 sensi in ascolto. Ho provato a cogliere i messaggi inviati dal mio stomaco, anche se con qualche naturale difficoltà. La pratica costante sarà la chiave per ridurre nel tempo queste difficoltà. Ho comunque apprezzato maggiormente i sapori e i profumi delle pietanze, uscendo dal ristorante “sazio di attenzione” verso me stesso. 😊
— Gianfranco

 

MINDFUL EATING…NEL BLOG


MINDFULNESS A BERGAMO - SCOPRI GLI ALTRI AMBITI

Descrizione